Alla scoperta dei musei di Procida

Meno famosa delle vicine Ischia e Capri, Procida è un’isola vulcanica situata nel Golfo di Napoli. Eletta capitale italiana della cultura per il 2022, quest’isola è caratterizzata da una architettura unica, la quale contribuisce a rendere questa una delle più apprezzate mete di vacanza della Campania.

L’isola si distingue, infatti, per la sua bellezza tipicamente mediterranea fatta di particolari case color pastello, barche di pescatori e piccoli borghi arroccati sulle colline.

Proprio la particolare atmosfera che accoglie l’isola, ha permesso a Procida di ispirare numerosi artisti tra scrittori, poeti e attori. Tra questi, impossibile non citare il francese Alphonse de Lamartine, che, nel 1852, durante un soggiorno sull’isola scrisse “Graziella”, ed Elsa Morante, che poco meno di settant’anni fa descrisse la bellezza di questo luogo nel suo romanzo “L’isola di Arturo”.

Sul finire del secolo scorso, l’isola è stata utilizzata anche come principale ambientazione per diversi film di successo, tra i quali spiccano ”Il postino”, ultimo capolavoro di Massimo Troisi, e, successivamente, ”Il talento di Mr. Ripley”, pellicola che ha visto la partecipazione di Matt Damon, Jude Law e Gwyneth Paltrow.

Nonostante Procida sia principalmente conosciuta per la bellezza delle sue spiagge, per le acque cristalline che bagnano la costa e per gli incantevoli paesaggi che è in grado di offrire, questa mette a disposizione dei visitatori anche alcune importantissime attività di carattere storico-culturale: scopriamo insieme quali sono i musei da non perdere se si è in vacanza si quest’isola.

Terra Murata rappresenta una delle location più suggestive di Procida. Questo piccolo borgo medievale, da cui, grazie a diversi punti panoramici, è possibile godere di una vista mozzafiato sul mar Mediterraneo, conserva ancora oggi un fascino unico, tanto da sembrare quasi rimasto immutato nel tempo.

A rendere speciale questo luogo non è soltanto l’incantevole paesaggio che lo circonda, ma anche i due cannoni a lunga gittata risalenti alla Repubblica napoletana del 1799 e, soprattutto, il Palazzo d’Avalos.

Edificato nel corso del 16 secolo per volontà della famiglia D’Avalos, governatori dell’isola fino al ‘700, questo elegante palazzo nobiliare mantenne il suo uso originale fino al 1815, anno nel quale venne adattato a scuola militare e, nel 1830, a struttura carceraria.

Chiuso ormai da quasi 35 anni, questo ex carcere rappresenta, oggigiorno, uno dei più importanti complessi museali di Procida.

Il vecchio carcere borbonico rappresenta il perfetto esempio di come l’isola di Procida svolga un ruolo di spicco nel panorama culturale italiano, in quanto preziosa testimonianza della storia politica, militare e urbanistica del sud Italia.

Oggi, alcuni ambienti del Palazzo d’Avalos sono stati ripristinati e predisposti per poter accogliere visite organizzate.

La visita guidata dell’ex carcere di Procida ha una durata di circa un’ora e un costo di 12.00 Euro. Le diverse guide turistiche che organizzano l’attività consentiranno di visitare e di conoscere la storia di luoghi come il cortile, la caserma delle guardie, l’edificio delle celle singole, il padiglione delle guardie, l’edificio dei veterani, la medicheria e il vecchio terreno agricolo coltivato dai detenuti.

Museo-Casa di Graziella

Poco distante da Palazzo d’Avalos, al secondo piano del Palazzo della Cultura a Terra Murata, vi è la ricostruzione di una tipica casa procidana dedicata a Graziella, principale protagonista dell’omonimo romanzo scritto da Alphonse de Lamartine.

Durante un soggiorno sull’isola, il romanziere e poeta francese si innamorò perdutamente di una giovane fanciulla dagli occhi neri e dalla bellezza selvaggia. La ragazza era figlia di pescatori locali, i quali permisero a Lamartine di abbandonare le vesti di nobile ed avvicinarsi alla semplicità che caratterizzava gli abitanti dell’isola.

Nonostante il profondo sentimento che legò Alphonse de Lamartine alla sua giovane amata, questi furono costretti a interrompere la loro relazione a causa di un’improvvisa partenza per la Francia da parte dello scrittore. Prima di tornare a Parigi, Lamartine lasciò Graziella con una promessa: sarebbe presto tornato da lei. In realtà, i due non si videro mai più, in quanto poco dopo il ritorno di Lamartine in Francia, Graziella venne colpita da una tubercolosi fulminante.

A 200 anni dalla morte della giovane, l’associazione culturale “La casa di Graziella” ha voluto dedicare alla protagonista del romanzo di Lamartine un museo-casa che ricostruisce una tipica casa procidana e si pone come principale obiettivo quello di raccontare la vita sull’isola tramite la storia di Graziella.

Visitando questo il Museo-casa di Graziella sarà, inoltre, possibile accedere alla terrazza panoramica dedicata ad Elsa Morante, luogo da cui godere di una vista privilegiata sulle location che furono di ispirazione per la scrittura dell’acclamato romanzo “L’isola di Arturo”.

Complesso museale dell’Abbazia di San Michele Arcangelo

Un ulteriore luogo che vale la pena visitare se in vacanza sull’isola è l’Abbazia di San Michele Arcangelo. Situato a Terra Murata, questo complesso di edifici a uso religioso è stato realizzato nel 1200, anno nel quale venne costruito un monastero benedettino in prossimità di un già esistente tempio dedicato a San Michele Arcangelo.

La struttura venne utilizzata fino alla seconda metà del XV secolo, ovvero fino a quando i monaci, spaventati dai costanti attacchi di pirateria a cui l’isola era soggetta, decisero di abbandonare il monastero.

Negli anni successivi, il complesso di edifici che formano Abbazia di San Michele Arcangelo fu affidato a cardinali ed alti prelati, i quali, commissionando opere e lavori di riqualificazione a importanti artisti ed architetti dell’epoca, favorirono la trasformazione di questo luogo da semplice monastero a vero e proprio capolavoro architettonico.

Oggigiorno, infatti, questo complesso museale presenta un impianto costituito da molteplici stratificazioni e trasformazioni avvenute nel corso dei secoli. L’edificio principale è proprio L’Abbazia di San Michele Arcangelo, annoverata tra i luoghi di culto più prestigiosi ed importanti dell’Italia meridionale. A ogni modo, degni di particolare rilevanza sono anche il presepe permanente, composto in prevalenza da antichi pastori realizzati nel corso del XVIII da importanti esponenti della scuola napoletana del XVIII secolo, e la biblioteca, il cui nucleo originario è rappresentato da testi risalenti al XVI secolo.

Museo del mare

Ubicato all’interno del palazzo storico dell’Istituto Nautico “Francesco Caracciolo” di Procida, il Museo del Mare nasce nel 1996 con il preciso obiettivo di promuovere e di celebrare l’importante tradizione marinara che caratterizza l’isola.

Dapprima creato puramente a scopo didattico, per gli studenti dell’Istituto, oggigiorno questo è un importante museo la cui visita permette di comprendere l’amore, la devozione e la grande passione per la navigazione, che da sempre contraddistingue gli abitanti di Procida.

Come è facile intuire, il mare rappresenta un elemento fondamentale per l’isola di Procida che, nonostante la distanza tutt’altro che proibitiva dalla costa della Campania e dal vicino Golfo di Napoli, è fortemente legata all’elemento marino.

Non di rado, infatti, gli abitanti dell’isola trovano impiego in mare piuttosto che in città, preferendo vivere tra le onde anziché optare per un impiego all’interno dell’area metropolitana di Napoli. Proprio questo legame speciale e indissolubile ha dato vita a uno dei musei più importanti e caratteristici dell’isola, vera e propria dimostrazione d’affetto nei confronti dell’immensità del mare.

Il Museo del Mare è articolato in due differenti sezioni: una parte bibliografica dove poter consultare l’archivio storico il cui contenuto testimonia la storia della grazie tradizione marinara dell’isola e, infine, un ulteriore percorso dedicato agli ex voto e alla tradizione religiosa legata all’attività marinara di Procida e ad alcuni proverbi e canti popolari che hanno come protagonista il mare.

error: Content is protected !!